Emergenza Ape Cinese zona Delibera

Emergenza Ape Cinese zona Delibera

Abbiamo una Emergenza per l’Ape Cinese molto pericolosa ed anche mortale. Fanno il proprio alveare sotto terra nei giardini delle nostre case e da li proliferano covando migliaia di uova per le loro nuove generazioni.

 

Nella nostra zona ci sono bambini, anziani, e persone di tutte le età, ma al di là della strada c’è una scuola con Asilo ed Elementari con centinaia di bambini e con molto verde intorno, il verde che piace a queste Api, che escono dalle loro tane e vanno a nutrirsi nelle zone limitrofe per far ritorno dalla loro Regina e nutrirla.

La sua specie è Calabrone Gigante asiatico o Vespa Mandarina Wikipedia

Il calabrone gigante asiatico (Vespa mandarinia Smith, 1852), noto anche come “calabrone giapponese”, è il calabrone più grande del mondo. Nativo dell’Asia orientale temperata e tropicale, il suo corpo è lungo circa 45 mm, con un’apertura alare di circa 75 mm e un pungiglione lungo 6 mm, con il quale inietta una grande quantità di veleno potente che è letale nei casi allergici; le regine possono raggiungere una lunghezza di 55 mm.

Il calabrone gigante asiatico è spesso confuso con la Vespa velutina conosciuta anche come calabrone dalle zampe gialle, una specie invasiva che causa maggiori preoccupazioni in Europa. A volte viene confuso anche con la Vespa orientalis.

 

 

 

Appia Inferior: un inno alla libertà

Cosa hanno in comune un aspro sperone roccioso, uno schiavo dacico deportato sul litorale pontino e una giovane cittadina romana vissuta al tempo di Traiano? Ce lo racconta magistralmente Ercole Bersani, scrittore e noto giornalista, in APPIA INFERIOR, un taglio di vita, un romanzo corale di disarmante umanità, edito da INNUENDO. È una storia d’amore e di guerra, narrata direttamente dalla voce di ciascuno dei protagonisti coinvolti nella vicenda, sperone roccioso incluso, che invitano il lettore ad addentrarsi nelle più nascoste pieghe dell’anima e a interrogarsi sul senso e sul valore della vita, di ciascuna vita. Una storia antica – siamo nell’anno 100 d.C. – che si sviluppa attraverso moderne tecniche di narrazione che ricordano quelle del cinema americano contemporaneo, adottate in film record d’incassi al Box Office quali Third person, di Paul Haggis, e The Avengers, di Joseph Hill Whedon. E, come i noti personaggi della Marvel, o forse più di questi, i protagonisti di questo romanzo storico, sono eroi.

Eroi senza fama né gloria. Eroi per aver avuto il coraggio di prendere in mano le redini del proprio destino e di combattere per quello in cui credono: Dacian, lo schiavo, alla ricerca della libertà e della dignità perdute, Livia, appartenente ad una illustre famiglia, che rivendica il diritto di seguire il proprio cuore e la propria fede, e così via. Uno dopo l’altro i personaggi sfilano davanti agli occhi rapiti del lettore e della Rupe Traiana, granitica, immobile testimone di inenarrabili atrocità. È una storia lontana nel tempo per gli eventi, ma vicina, terribilmente vicina nei contenuti. Una storia che parla di libertà, di riscatto, di amore e di fratellanza. Una storia delicata e forte che tocca corde intime. Quando si arriva al punto conclusivo, e si richiude il libro, si è pervasi da uno strano senso di smarrimento, di vuoto. Un vuoto in cui risuonano con forza e a gran voce domande ataviche cui tutti vorremo dare una risposta.

Cosa ci rende “umani”? Si può smarrire e cancellare questo status a seguito di una guerra? Possono le diversità culturali e sociali rappresentare un limite invalicabile al naturale dispiegarsi del nostro essere? Può la vita essere mercificata e, al pari un oggetto, svenduta? Può la voce della coscienza tacere sotto il giogo e la minaccia delle torture di un carnefice? Occorrerebbe interrompere il flusso incessante della storia, che si ripete identica, storia dalla quale noi, cosiddetti essere umani, sembriamo non imparare mai abbastanza da non ripetere sempre i medesimi errori. Occorrerebbe imprimere una svolta, un segno di rottura, un taglio… sì, ma di vita.

Il prezzo di copertina del romanzo è di € 13.

Si può acquistare presso il negozio Mondadori store di via Roma a Terracina o direttamente dall’editore versando il solo prezzo di copertina sul C/C POSTALE intestato a Massimo Lerose Editore IBAN: IT55J0760114700001014280000 e il romanzo sarà spedito a casa senza spese di spedizioni!

Ricordarsi di scrivere il proprio indirizzo!

Si può farlo scrivendo alla mail innuendoeditore@libero.it oppure sul profilo Facebook Innuendo Editore.

Palestra “Massimo Caiazzo”, tutto pronto per la ripresa delle attività

Palestra “Massimo Caiazzo”, tutto pronto per la ripresa delle attività

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è TKD%2C.jpg

Il 17 Settembre p.v. riprendono i corsi della storica scuola Terracinese intitolata alla memoria di “Massimo Caiazzo”. Fondata nel 1967 da quell’indimenticale figura che è stata Alfredo Caiazzo con il nome di Jikoro Kano. Sin dal  1972 divenne Centro Taekwon-do posizionandosi come il quinto centro  in assoluto in Italia.

Innumerevoli campioni a a carattere Internazionale , europeo e Mondiali forgiati dalla asd pal. M. Caiazzo, ribattezzata nel corso degli anni anche la scuola dei Campioni o la Culla del Taekwon-do oggi .

I corsi saranno diretti da Master Carmine Caiazzo, VIII dan presidente della FITAE-ITF (Federazione Italiana Taekwon-do) e responsabile Nazionale del Settore Arti Marziali ASI(EPS RICONOSCIUTO dal Coni) insieme a sua moglie Catia Savarese, II dan Istruttore Federale e Dott.ssa in Scienze Motorie, i due saranno coadiuvati dall’Istruttore Pina Maragoni Dott.ssa in Psicologia dello Sport e dall’Istruttore Palmieri Pasquale nel settore agonistico.

Molti i successi ottenuti dalla storico club nei passati anni. E quest’anno si sono affacciati altri nomi tra gli agonisti , che fanno ben sperare un futuro della asd M. Caiazzo, tra cui Massimo Caiazzo che si è distinto con due ottime medaglie di D’Argento al Nikko Open di Roma ed all’Anxur Battle.

Insieme a Massimo hanno Brillato , anch’egli in evidenza nelle gare a carattere agonistico Nazionale, spiccano i giovanissimi tra cui Simone Cariani, Lorenzo Cervelloni, Michael Ritiello, Pier Paolo De Rita, Cristina Giovine.

Da menzionare inoltre l’apporto che danno le due cinture nere nell’insegnamento Massimo Carretti ed Antonio Senese. Inoltre si sono distinti Iano Nicolia , Noah NIcolia, Chantal Giovannini, Ludovico Misservill, AlsuLeiman NaDIM componenti del Kanda Aikido di Ceccano della C.N. Nicolia Costola della asd Pal. M. Caiazzo, commenta Master Carmine Caiazzo.

Anche quest’anno si si preannuncia ricco di impegni e di eventi a carattere  Nazionale ed Internazionale.Questi principali eventi agonistici e formativi che caratterizzeranno l’anno sportivo alle porte:
-Dal 27 Al 29 Settembre a Riccione si terrà l’incontro con i maestri da IV VIII Dan;
-Il 25 Gennaio 2020 il Campionato Nazionale Jr. E sr a Cecina
-Il 22-23 Febbraio il Nikko Open a Roma
-il 5 APRILE 2020 AVREMO L’EVENTO INTERNAZIONALE DELL’ANNO LA XIV EDIZIONE DELL’ANXUR BATTLE. Torneo Internazionale Ormai diventata una tappa istituzionale a carattere Internazionale. Evento creato da Master Carmine Caiazzo. Ogni anno richiama num. 3-400 atleti provenienti dall’Italia e dall’estero.
-Dal 30 Aprile al 3 Maggio il Campionato Europeo in Slovacchia.
-E dal 30 Maggio al 1 Giugno il Sardinia Open
-Dal 15 al 17 Maggio il FITAE CAMP.
-Maggio Giugno IV gala Nazionale delle Arti Marziali . Bellissimo evento che funge da collettore per tutte le discipline da combattimento ASI ed afferenti a Carmine Caiazzo n.q. di responsabile Nazionale ARTI MARZIALI ASI.

Nell’area locale spicca il Torneo Anxur Battle previsto il 5 Aprile a Terracina – Palacarucci – e tra Maggio Giugno 2020  il gala Nazionale Arti Marziali .La asd ASI Palestra M. Caiazzo continua la sua crescita .E giovanissimi atleti come quelli su citati si sono affermati in campo Nazionale e probabilmente continuando cosi potranno aspirare a fare parte del team Nazionale.Abbiamo incrementato l’apparato docente.

Insieme allistr. Catia Savarese che magistralmente costruisce il settore bambini e junior ci siamo avvalsi del supporto dell’istruttrice Giuseppina Maragoni dott. Ssa in psicologia dello Sport e dell’istr. Pasquale Palmieri che coadiuva Master Carmine Caiazzo nella formazione agonistica. Come Presidente della FITAE – ITF continua il consolidamento con l’eps ASI cui il sottoscritto è Dirigente Nazionale n.q. di responsabile Nazionale del settore ASI AM, Con la Fikbms la federazione Italiana ufficiale di Kick Boxing ed è sempre in essere il rapporto con la FITA . La federazione Olimpica.

Questo il commento del master Caiazzo sulle ultime evoluzioni della federazione di cui presidente: “Di recente abbiamo stretto un accordo con nuovo gruppo praticante Taekwon-do ITF sul territorio Nazionale, il gruppo TAEKWON-DO Alliance rappresentante il Maestro Pantaleone Clerico. E questo non fa altro che confermare la forza della federazione Fitae-ITF, la più forte e strutturata organizzazione di arti marziali presente sul territorio nazionale” – chiosa Carmine Caiazzo. 

I CORSI di Taekwon-do –Kick Boxing- difesa personale riprendono regolarmente Martedì 17 Settembre c/o la sede operativa della asd asi Palestra M. Caiazzo.

La POWER BODY CENTER è a Terracina Viale delle Industrie n.7

Palestra “Massimo Caiazzo”, tutto pronto per la ripresa delle attività

Carmine Caiazzo: “I nostri successi frutto di un duro lavoro di squadra”

“Per me il campione non è quello che dà il massimo, ma quello che si avvicina al massimo” .

Esordisce così Carmine Caiazzo, Presidente Nazionale FITAE-ITF e Responsabile nazionale del settore ASI Arti Marziali.

Come Fitae-Itf, sono tante le attività che ogni anno svolgete. Dovendo fare un bilancio, come giudichi risultati e successi ottenuti in questa stagione?
“Il passato anno sportivo 2018-2019 per la FITAE-ITF, convenzionata con ASI, è stato denso di eventi didattico-formativi ed agonistici. Sia a carattere nazionale, sia internazionale. È necessario premettere che la Fitae-ITF sia riconosciuta dalla AETF (All European Taekwon-do Federation), l’organismo Europeo di appartenenza e dalla ITF (International Taekwon-do Federation) la Federazione Mondiale. Di tale federazioni ne rispetta statuti e regolamenti. Ed è pertanto legittimata a parteciparne alle attività di competenza: Campionati Europei, Campionati del Mondo, Coppa Europa, del Mondo Tornei Open e vari corsi internazionali. La nostra ITF oggi è riconosciuta in circa 100 Nazioni al Mondo.

Tutti gli eventi realizzati patrocinati FITAE-ITF sono stati caratterizzati da un alto livello di professionalità. Tantissimi i successi ottenuti dai nostri atleti. Non a caso oggi la nostra Federazione è considerata una Nazione guida nel panorama Mondiale”.
 

Qualche esempio?
“La passata stagione sportiva è partita con un’iniziativa del Comitato Veneto che ha invitato il Master Carli a dirigere un allenamento per Maestri ed Istruttori. I 30 docenti partecipanti, oltre ad aver ampliato la conoscenza tecnica specifica di ciascuno, hanno avuto una grandissima opportunità di crescere insieme, condividere le proprie idee ed avere una linea comune per sviluppare e diffondere il Taekwon – Do nella regione Veneto.

E poi ancora, elencandone solo i principali, la preselezione della squadra nazionale, svoltasi a Capoterra (CA), dove i tecnici della Nazionale, i Master Leandro Iagher, Ciro Cammarota e Orlando Saccomanno si sono recati in Sardegna per la preselezione degli atleti per la squadra nazionale che parteciperà al Campionato Mondiale ITF di aprile in Germania. Importante anche la presenza all’11° International Harmony Course, a Buccinasco (MI), con la partecipazione di Brian Milligan, cintura verde striscia blu. Il signor Milligan ha 79 anni e da quando ha iniziato a praticare il Taek- won-Do la sua salute generale ha registrato molti cambiamenti positivi. Ed ancora, da segnalare la delegazione Fitae alla European Cup di Sibiu, in Romania, la partecipazione a Piombino per la Città Europea dello sport 2020 e il 4° Mightyfist Italian Open 2018 a Castellanza (MI), nel quale trecento atleti provenienti da Francia, Olanda, Giappone, Kazakistan, Inghilterra e da tutte le regioni italiane si sono dati appuntamenti per sfidarsi. Poi ci sono i tanti corsi di formazione per atleti e arbitri. Inoltre, corsi di aggiornamento tecnico formativi in Veneto-Lombardia-Toscana-Lazio, Campania e Sardegna; stage formativi con i Masters Iagher e Minotti ed il Maestro Persia; il 36° Campionato Nazionale FITAE-ITF a Piombino il 26-27 Gennaio 2019; il Nikko Roma Open di Roma Capitale, il Buccinasco (MI) Taekwon-do Cup: l’allenamento con il Campione Timothy Bos in Sardegna, il Taekwon-do Children’s Day di San Giorgio in Bosco (PD)Stage con senior Master Giovanni Cecconato; il Campionato del Mondo a Jinzell Germania”.

 

E la tua creatura, ovvero l’Anxur Battle Torneo ASI a Terracina?
“Il Torneo Anxur Battle fa parte di uno dei Tornei “Open”, che compongono le gare agonistiche di circuito Internazionale realizzate in Italia e patrocinate dalla FITAE-ITF.

Nato  circa 12 anni fa come “Torneo Città di Terracina” , ha iniziato ad attirare compagini straniere sempre più blasonate: Polonia, Olanda, Finlandia, Svezia, Uzbekistan, Libano, Palestina ed altre. Oltre ovviamente all’Italia. Da qui ho ideato il nome del “ANXUR BATTLE”,  la battaglia di Anxur, l’antico nome di Terracina, il nome del Tempio di Giove Anxur . Oggi il torneo vede la partecipazione di una media di circa 300 Atleti a edizione.

Si svolge in un unico giorno ed è aperto a tutti gli atleti. Cinture colorate e nere, divisioni bambini, junior e senior. Da tre anni viene svolto all’interno di tale kermesse il “Gran Champion”, gara con premio in denaro nel quale si affrontano i vincitori cinture nere delle categorie -70 kg, e più 70 kg. Forte è l’impatto pubblicitario: media partner sono TV locali, radio e quotidiani. Ho in programma per il futuro di portarlo a due giorni, migliorare il premio della borsa in denaro e aumentarne la visibilità tramite streaming, Tv Nazionale e Social”.

Così come ASI, anche voi puntate molto sulla formazione. Credi sia un valore aggiunto?
“Come si evince dal nostro calendario, la formazione dei tecnici, istruttori e maestri è fondamentale. Sono previsti quest’anno, come in passato, corsi di aggiornamento tecnico ed arbitrale, obbligatori per i praticanti che devono raggiungere il traguardo di cintura nere e passaggio di Dan.
La base deve essere costruita e formata da professionisti seri, preparati e motivati. In tal modo può operarsi una promozione efficace su tutto il territorio nazionale. Il nostro regolamento tecnico è chiaro: poniamo degli step ben precisi per abilitare i nostri istruttori all’insegnamento”.


Sicuramente, grazie ai vostri successi, rappresentate un motivo di orgoglio per ASI. Qualche considerazione sul lavoro svolto in Italia e all’estero?
“Tutti i nostri successi sono frutto di un duro lavoro, svolto da oltre 25 anni. Siamo ormai presenti in quasi tutte le regioni d’Italia. Posso affermare, senza mezzi termini, che siamo strutturati ed organizzati come, se non meglio, di una autentica FSN. Dal punto di vista fiscale ed amministrativo ci siamo affidati ad un grande professionista specializzato nel seguire amministrativamente FSN come Fabio Romei”.

Un doveroso ringraziamento va a tutti i componenti della nostra “famiglia” Fitae – Itf per l’impegno profuso fino ad oggi. In particolar modo ai miei colleghi del consiglio direttivo, Master Luca Maragoni, il Maestro Rachele Fogli (Vice Presidente) ed i Maestri Marco Gigante e Mirco Pegoraro ed il nostro Gran Master Wim Bos. Un tecnico che tutto il Mondo ci invidia.
Ringrazio anche la responsabile del settore comunicazioni, Tiziana Mimmocchi, coadiuvata dal Maestro Marco Gigante, la commissione agonisti, Masters Leandro Iagher, Orlando Saccomanno e Ciro Cammarota, la commissione arbitrale, Master Stefano Minotti e il Maestro Andrea Cendron, nonché tutti i Master, Maestri ed Insegnanti che nel corso dell’anno appena concluso hanno fornito il loro contributo alle attività della Fitae-Itf.

L’impegno e la professionalità hanno consentito alla nostra organizzazione di raggiungere ottimi risultati non solo in campo agonistico, ma anche in termini di collaborazione esterne con Federazioni amiche come la FIKBMS (Federazione Italiana Kickboxing Muay Thai Savate Shoot Boxe). Molti dei nostri atleti ne fanno parte, raccogliendone risultati prestigiosi.  Fra tutti, Alessandro De Ponto del Team Fabio Iovane di Terracina che è salito sul gradino più alto del podio con un favoloso oro nel Light Contact. Poi c’è Francesca Oliverio del Team Extreme Fighters di Roma, che ha conquistato un eccellente Bronzo nella Kick Light”.

E ASI?
“Un contributo fondamentale. Per questo un ultimo doveroso ringraziamento va al Presidente ASI Nazionale Claudio Barbaro, al suo organico dirigenziale, composto da Diego Maulu, Achille Sette, Umberto Candela e gli altri. Un lavoro sinergico di squadra, aperto ad ogni forma di collaborazione, sempre volto alla crescita della nostra Federazione. Un percorso che si è dimostrato vincente sotto tutti gli aspetti”.
[  Paolo Signorelli  ]

Precisazioni dell’assessore Barbara Cerilli relativo all’annullamento degli eventi al Molo

In ordine alla cancellazione dei concerti e delle altre manifestazioni previste nell’area del Molo l’assessore al Turismo Barbara Cerilli precisa che:

si è trattato di eventi per la cui organizzazione le richieste o sono giunte al Comune ben al di sotto dei 30 giorni previsti dal Regolamento Comunale (in un caso) o erano completamente prive delle certificazioni che gli organizzatori sono tenuti a produrre per consentire la convocazione della Commissione Pubblici Spettacoli, un organismo  previsto dalla legge e composto, tra gli altri, dai Vigili del Fuoco e dalla ASL.

Lo svolgimento di questo tipo di manifestazioni – prosegue l’assessore – è rigidamente subordinato al parere della Commissione che è chiamata ad esprimersi sulla sicurezza e che si riunisce quando si è in presenza di eventi che superano presumibilmente le 200 presenze. Tengo a sottolineare che gli Uffici Comunali e la sottoscritta hanno più volte rappresentato agli organizzatori questa inadempienza senza la quale è impossibile istruire la pratica.

Gli annullamenti, quindi, non sono in alcun caso imputabili all’Amministrazione Comunale che si è trovata nella condizione di considerare irricevibili le istanze. Nel caso del concerto dei Subsonica, previsto per l’8 agosto e poi cancellato, il problema è stato di altra natura, comunque non riconducibile al Comune. Questo mio intervento – conclude Cerilli – ha il preciso scopo di evitare speculazioni di qualunque genere sul mancato svolgimento di manifestazioni sicuramente apprezzabili, ma per la cui realizzazione è necessario rispettare criteri inderogabili che mirano a garantire la sicurezza.

L’invito che rivolgiamo a tutti coloro che si propongono di organizzare concerti o altri eventi con grande afflusso di pubblico è quello di presentare le istanze anche molto prima dei 30 giorni previsti al fine di poter garantire la predisposizione di tutte le misure necessarie per tempo e ovviare alle eventuali criticità. 

Barbara Cerilli
Assessore al Turismo
della Città di Terracina

Anbi Lazio: Sonia Ricci fa il punto sulle attività

Dobbiamo lavorare in squadra, nel territorio e per il territorio. Superare le criticità in modo condiviso rappresenta una delle priorità che, da quando mi sono insediata come commissario presso il Consorzio di Bonifica di Latina, sto attuando con il supporto della struttura. Dobbiamo portare sempre meglio a conoscenza di tutti quello che facciamo e cosa si potrebbe fare in meglio.

Così Sonia Ricci, ieri mattina, nell’ambito dell’iniziativa promossa a Terracina dall’associazione culturale La Fiora, ha esordito nel proprio intervento. La manifestazione, inserita nel cartellone della 32 esima Sagra del vino Moscato, ha richiamato, nonostante le temperature roventi, un centinaio di persone che hanno seguito i lavori moderati dal Generale Carmine Bennato. Insieme al commissario Ricci anche il sindaco di Terracina Roberta Tintari, l’assessore comunale all’ambiente Emanuela Zappone, il Consigliere Andrea Bennato, il presidente dell’associazione Aspal Stefano Giammatteo, il presidente dell’associazione Claudio Antonetti, Andrea Cocco della segreteria del Presidente della Regione Lazio e Andrea Renna, direttore di Anbi Lazio.

Il confronto, il dialogo e l’illustrazione di quanto si sta facendo nei territori – ha detto proprio Renna nel saluto – è l’asse sul quale come Anbi Lazio abbiamo deciso di puntare. L’aggiornamento sulle attività in essere e i risultati raggiunti sono per noi dei fattori imprescindibili da diffondere e rendere comuni. In questo territorio – ha aggiunto Renna – il commissario Ricci, con il supporto del collega e amico Corbo – ha istituito un tavolo di confronto con i sindaci, le associazioni di categoria e quelle sindacali.

Ha dato il via a delle nuove opportunità per le imprese agricole mediante la legge di orientamento e si è attivata per individuare nuove progettualità e servizi. Anbi Lazio si sta muovendo anche su queste sollecitazioni per rappresentare sempre meglio e sempre più un riferimento per le strutture ed i consorziati oltre che per gli enti pubblici e i cittadini con il supporto di Anbi nazionale.

Salvaguardia idrogeologica ed ambientale non possono essere argomenti – ha concluso Renna – da sottovalutare e sono tra i compiti quotidiani di tutti gli operatori delle strutture consortili laziali. Dobbiamo comunicare meglio cosa si fa in queste direzioni senza dimenticare quanto si realizza per le imprese agricole in relazione all’utilizzo dell’acqua per l’irrigazione in un momento difficile come quello attuale.

Ai lavori si sono susseguiti gli interventi dei rappresentanti del comune e di Aspal. Tutti hanno dato atto del cambio di passo che si è registrato dall’arrivo di Sonia Ricci. Un viatico importante, una indicazione certa ormai consolidata quindi quella del dialogo e delle risposte alle sollecitazioni che rappresenta indubbiamente il biglietto da visita richiesto a gran voce e oggi, risultato acquisito, per consorziati e cittadini. La presenza puntuale attenta e discreta della Regione Lazio rappresenta un fattore in più su cui puntare per sollecitare integrazioni alle normative vigenti e rivisitazioni di competenze e ruoli per taluni ambiti.

Sono certa – ha chiosato Sonia Ricci – che le strutture regionali insieme ai rappresentati politici regionali a prescindere dall’appartenenza abbiano ben compreso tali necessità e sono fiduciosa che anche grazie ad Anbi Lazio, con la guida appassionata e competente della presidente Luciana Selmi, riusciremo a cogliere al meglio queste disponibilità a vantaggio degli agricoltori pontini e laziali e a tutela di tutti i cittadini della nostra regione.

Articolo tratto da: http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2623/anbi-lazio-sonia-ricci-fa-il-punto-sulle-attivita

Terracina, al via il completamento dei lavori in Piazzale Ennio Palmacci e Piazza Gregorio Antonelli

Terracina, al via il completamento dei lavori in Piazzale Ennio Palmacci e Piazza Gregorio Antonelli

Una piazza centrale per Terracina in prossimità con la Posta Centrale, banche, attività commerciali e fermata degli autobus.

Vista diurna del Piazzale dedicato al Maestro Ennio Palmacci

Un luogo dove i cittadini possono incontrarsi all’insegna di un progetto che sarà presto completato.

La giunta ha approvato, infatti, la delibera che dà il via libera al progetto definitivoper un investimento totale di 300 mila euro.

Vista notturna del Piazzale dedicato al Maestro Ennio Palmacci

La nuova piazza è figlia di un progetto approvato prima dell’uragano del 29 ottobre e realizzata dopo quell’evento.

Sarà integrata da illuminazione aggiuntiva a risparmio energetico, nuove piante, aiuole, impianto di irrigazione, un pergolato con rampicanti e numerose sedute che consentiranno la piena fruibilità dello spazio interessato garantendo protezione dalle condizioni meteo in tutte le stagioni.

Maestro Ennio Palmacci

“L’emergenza conseguente alle distruzioni dell’uragano e la messa in sicurezza dell’area in previsione della tappa del Giro d’Italia ha accelerato i tempi di realizzazione delle opere essenziali. Siamo consapevoli dei disagi patiti in queste settimane di caldo intenso da parte di chi aspetta l’autobus o si trova a passare sul piazzale, ma esistono – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Luca Caringi –  tempi tecnici e burocratici legati alle molteplici autorizzazioni da ricevere che non possiamo ridurre”.

I lavori dovrebbero essere completati in breve tempo.

“Di certo non ci siamo fermati, come qualcuno ha potuto pensare, ma abbiamo – conclude Caringi – proseguito a lavorare per completare un centro di aggregazione importante. Ringrazio il settore dei lavori pubblici e i progettisti per aver lavorato con alacrità e serietà”.

Luca Caringi Assessore ai Lavori Pubblici Città di Terracina

Un sentito grazie all’ Assessore ai Lavori Pubblici Luca Caringi

Terracina, al via il completamento dei lavori in Piazzale Ennio Palmacci e Piazza Gregorio Antonelli

Terracina, il Consiglio comunale approva all’unanimità il Piano d’azione per l’energia sostenibile e clima

Zappone: “Terracina ora è nella elité dei Comuni virtuosi a livello europeo”.

Il Comune di Terracina

Dopo l’adesione ufficiale al Patto dei Sindaci avvenuta nel febbraio del 2019, Terracina conferma l’impegno assunto in sede internazionale e si dota, in soli sei mesi, del PAESC, il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e Clima, uno strumento apparentemente invisibile, ma fondamentale perché indica la strada per la riduzione di anidride carbonica nell’ambiente.

“L’approvazione votata oggi in Consiglio Comunale – commenta l’assessore all’Ambiente Emanuela Zappone – è un risultato per il quale abbiamo lavorato a lungo e intensamente. La redazione del Piano inserisce Terracina in una elité di Comuni virtuosi a livello europeo, in quanto il Patto dei Sindaci è un accordo al quale hanno finora aderito 9.664 comuni del Vecchio Continente in rappresentanza di oltre 326 milioni di cittadini, testimonianza di una nostra particolare sensibilità sul tema e serio impegno.

Assessore Ambiente Emanuela Zappone

Lo scorso giugno sempre il Consiglio Comunale ha approvato il PAES, il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile, un atto prodromico a quello odierno che ne completa la definizione e l’efficacia. Le linee indicate nel PAESC orienteranno da oggi tutti i provvedimenti importanti di questa e delle prossime amministrazioni in materia di urbanistica, ambiente, energia, risorse idriche, contrasto al dissesto idrogeologico, trasporti, lavori pubblici e molto altro.

Non solo: la redazione del PAESC ci consente di poter ambire ai finanziamenti europei ideati per trasformare i piani d’azione in ambiziosi progetti. Desidero ringraziare il Settore Ambiente del Comune di Terracina, la società PAES Engineering che ha redatto i due Piani e l’intero Consiglio Comunale che ha compreso l’importanza del provvedimento, consentendo alla nostra città di farsi trovare pronta alla sfida più importante per il futuro di tutti. Ora sarà necessario seguire con attenzione le linee guida previste e aumentare la virtuosità dei nostri comportamenti”.

Tratto da (Il Faro on line)

ALLERTA 3 : ONDATA DI CALORE PER I GIORNI 25 E 26 LUGLIO NEL LAZIO

Ci risiamo: ancora una volta un’allerta meteo calore nel corso dio questa estate afosa e torrida, con temperature assolutamente al di sopra della media stagionale.

Questa volta toccherà al Lazio combattere con l’afa nelle prossime giornate di giovedì 25 e venerdì 26, secondo l’allarme diramato dal Ministero della Salute; infatti a rischio non sono soltanto i bambini e gli anziani, ma anche persone “ normali e sane”. I consigli per evitare rischi per la nostra salute sono i seguenti: non esporsi al sole  nella fascia oraria che va dalle 11 alle 18; evitare i luoghi super affollati come parche o zone verdi in quanto ricchi di ozono; trascorrere le ore più calde in luoghi freschi e climatizzati; evitare di praticare sport e attività all’aria aperta nelle ore calde; vestirsi con abiti chiari,  di cotone o lino; coprirsi con un cappello di paglia o di materiale leggero e chiaro.

Mettere sempre una protezione contro i raggi ultravioletti, seguire un’alimentazione leggera privilegiando pesce, frutta e verdure; attenzione alla conservazione di medicinali delicati che sarebbe bene tenere in frigo. Non mettersi in viaggio se non si possiede un’auto climatizzata; non lasciare in auto persone anziane o bambini sotto il sole. Al primo sintomo di malore, contattare un medico.

Tratto da: https://www.convergenze.online/notizie/allerta-3-ondata-di-calore-per-i-giorni-25-e-26-luglio-nel-lazio.html?fbclid=IwAR3C2tKdYUl1-TK8Tjb7eiVQ9kBAXQ9FeWkFSI_PwqnvljChWwuqefb_wQM

“STREET WORKOUT” TORNA A TERRACINA

Torna a Terracina domenica 4 Agosto dalle ore 20:30 alle 22:30 con partenza in piazza Municipio a Terracina.

un’evento volto al benessere immerso nella cultura, una fusione tra fitness e passeggiate nel centro storico, sotto le stelle.

Le nostre piazze faranno da suggestiva cornice durante l’evento.

Partner Antico forno Pizzeria & Osteria – Infortunistica Stradale Corradi – Mirko Sperlonga Photography – Octopusweb – Ramacci Sport – Vale caffè – La Locanda.

SPECIAL GUEST – Gianluca Ingargiola

15,00 € costo evento, in regalo T-SHIRT UFFICIALE, STREETWORKOUT GADGET e tante altre sorprese.

Terracina, al via il completamento dei lavori in Piazzale Ennio Palmacci e Piazza Gregorio Antonelli

La San Martino Calcio non si ferma più.

Pietro Meomartino classe 1992

Pietro Meomartino Difensore

Arriva un altro pilastro difensivo Pietro Meomartino nato il 24/12/1992 a Terracina.

Pietro è un difensore molto roccioso e duttile puo ricoprire più ruoli nel reparto difensivo un ottimo tassello per la San Martino.

Il Presidente Onorario Romano Fantasia

Pietro cosa ti ha spinto ad accettare San Martino?
Credo sia un progetto ottimo è molto serio ed è per questo che ho accettato alla prima chiamata del presidente Mandatori, ma soprattutto ho accettato per la lunga conoscenza che mi lega con Mister Ernesto Montella un grande mister ma soprattutto un grande uomo sono sicuro che faremo grandi cose.

VISITA IL SITO: www.sanmartinocalcio.it

Terracina, al via il completamento dei lavori in Piazzale Ennio Palmacci e Piazza Gregorio Antonelli

Terracina si prepara ad ospitare la festa della Madonna del Carmine 2019

Una riunione organizzativa per mettere a punto i dettagli dei festeggiamenti per la Madonna del Carmelo in programma il 20 e 21 luglio a Terracina.

All’incontro hanno partecipato i rappresentanti delle cooperative di pescatori, il Parroco del SS. Salvatore don Luigi Libertini, il vice sindaco Roberta Tintari, l’assessore alla cultura Barbara Cerilli e il deputato nazionale Francesco Zicchieri.

Innanzitutto si è convenuto di porre al riparo la festa da eventuali polemiche di natura politica che risulterebbero inopportune e incomprensibili per i cittadini.

In virtù di tale considerazione si è stabilito di non presentare esponenti politici in ruoli apicali all’interno dell’organizzazione dell’evento ed è stato espresso apprezzamento per la scelta di Zicchieri di rinunciare alla carica di presidente onorario dell’associazione Maria Santissima del Carmelo.

Il Sindaco ed Euro Deputato Dott. Nicola Procaccini

“Sono molto contento – spiega il sindaco Procaccini – che questa meravigliosa festa possa rappresentare un momento di forte unità e condivisione da parte dell’intera comunità. Mi sono adoperato, come mi impongono la mia carica e la mia coscienza, per prevenire il rischio di strumentalizzazioni politiche e sul “chi fa cosa” che sarebbero risultate veramente spiacevoli. Ho potuto contare sul buonsenso e sulla buona volontà di tutti. Desidero ringraziare tutte le parti in causa e in particolare Zicchieri per la disponibilità dimostrata”.

All’organizzazione dei riti religiosi provvederà il parroco don Luigi mentre dei festeggiamenti civili si farà carico il Comune di Terracina che si occuperà della fiera commerciale, della partecipazione del Corpo bandistico Città di Terracina rappresentato per decenni dal Maestro Ennio Palmacci con musicisti e majorettes e, per la prima volta, anche delle luminarie e dello spettacolo pirotecnico.

Il Maestro Ennio Palmacci

All’associazione, invece, è affidato il compito di prendersi cura degli spettacoli musicali serali, della consueta lotteria e, ovviamente, della processione in mare, il momento più suggestivo e caratterizzante di questa grande festa.

Fondamentale la collaborazione dell’Ufficio circondariale marittimo di Terracina e delle altre forze dell’ordine che garantiranno la sicurezza in mare e a terra nella due giorni di festeggiamenti.

Testo tratto da: https://www.latinaquotidiano.it/terracina-si-prepara-ad-ospitare-la-festa-della-madonna-del-carmine-2019/

Repertorio fotografico reperito nel web

Terracina, al via il completamento dei lavori in Piazzale Ennio Palmacci e Piazza Gregorio Antonelli

Il recupero del Teatro romano a Terracina. Ecco com’era!

Dopo l’abbattimento dell’ultimo immobile che si trova all’interno del perimetro dell’antico teatro romano.

Sotto le costruzioni medioevali un teatro romano.

Che sotto le costruzioni medioevali, ed ancora di quelle più recenti, si nascondesse un teatro romano era da tempo risaputo: lo rivelavano le case poste a semicerchio sul bordo della cavea, ma solo i bombardamenti dell’ultima guerra mondiale hanno reso accessibile l’area agli scavi in vista di un  almeno parziale recupero.

Il riconoscimento definitivo del monumento risale al 1968. I saggi effettuati tra il 1998 ed il 2001 hanno fornito dati sufficienti ad una ricostruzione attendibile.

La ricostruzione qui presentata è stata ipotizzata dall’architetto M. Marchetti.

Ora si continuerà a scavare.

Il diametro del teatro era di circa 72 metri e poteva accogliere quasi 4.000 spettatori. L’epoca di costruzione è riferibile a due fasi: una più antica risalente al tardo periodo repubblicano (I sec. a.C.) ed un rifacimento successivo, in età imperiale.

(da http://www.terrapontina.it)

Così erano i teatri romani.

A Terracina arriva il Festival dello Street Food „A Terracina arriva il Festival dello Street Food“

A Terracina arriva il Festival dello Street Food

Arriva a Terracina il Festival dello Street Food, una manifestazione organizzata dalla Typical Truck Street Food con il patrocinio del Comune.

Dal 4 al 7 luglio in via Bachelet arriveranno 26 street chef con altrettanti colorati ristoranti su ruote e roulotte vintage che prepareranno ottimi piatti per tutti i gusti: dalla tipicità italiane alle migliori ricette da tutto il mondo, carni pregiate, pesce nostrano, primi piatti sopraffini, cucina vegana, panini ultra imbottiti, fritti, dolci e molto altro ancora.

Oltre il cibo, l’intrattenimento

Non mancherà l’intrattenimento ogni sera con street band, giocolieri e spettacoli itineranti. Tanta la musica: venerdì sera col quartetto tutto al femminile delle JFleas, sabato sera si potrà ascoltare musica anni ’80 con The Bakers e  domenica 7 si potrà ballare e scatenarsi sulle note della street band Caracca Tamburi Itineranti. Presenti anche delle aree dedicate al divertimento dei più piccini con laboratori, truccabimbi, palloncini e tanti giochi da fare in famiglia.

Le eccellenze italiane

A farla da padrona ovviamente l’ottima cucina italiana e le sue tipicità. Dal 4 al 7 luglio a Terracina si potranno gustare: Bombette, pucce, focaccia e tipicità made in Puglia, Arrosticini, Cucina tipica vietnamita, Paella valenciana e sangria, Pasta mantecata in forma di parmigiano e fritti in vari gusti, Cono di pizza ripieno, Bombe, ciambelle calde e sfogliatelle, Cucina tipica siciliana, Panino con polpo arrosto, Cuzzetiello e pizza fritta, Cuoppo di pesce fritto, Birra artigianale cruda tedesca, Arrosticini e patate a spirale, Hamburger di Chianina, Hamburger e hotdog gourmet, Tiramisù espresso, Puccia pontina, Carciofo alla giudia, Panino con scottona sfilacciata, Cartoccio di salumi da passeggio, Panini gourmet con carne di bufala, verdure e burratina, Arancin in vari gusti ,Polpette fritte in vari gusti (anche vegan), Sfiziosità di pesce fritto, Olive e cremini ascolani, Polpette della nonna e gnocco fritto.

L’appuntamento

È dunque a Terracina in via Bachelet dal 4 al 7 luglio dalle 16 alle 24 con ottimo cibo, musica e intrattenimento per grandi e piccini“

Tratto da: https://www.latinatoday.it/eventi/festival-street-food-terracina-2019.html

Terracina, al via il completamento dei lavori in Piazzale Ennio Palmacci e Piazza Gregorio Antonelli

Terracina, sgombero dell’ex scuola di via Anxur: ora un ostello della gioventù

La struttura abbandonata al degrado era da anni occupata abusivamente. Sull’area un nuovo progetto di riqualificazione “

Terracina, sgombero dell’ex scuola di via Anxur: ora un ostello della gioventù
„stato sgomberato a Terracina l’immobile di via Anxur, una ex scuola occupata abusivamente da anni e in condizioni di estremo degrado. Il provvedimento è scattato in seguito a un’ordinanza emessa nei giorni scorsi. Le operazioni si sono svolte in grande tranquillità, senza momenti di tensione “grazie soprattutto – afferma il sindaco Procaccini – all’ottimo lavoro preparatorio allestito nel corso della settimana dalla polizia locale con la quale abbiamo concordato una linea ‘morbida’, avvertendo in anticipo gli occupanti e dando loro modo di lasciare spontaneamente l’immobile evitando azioni di forza. Va alle donne e agli uomini della Polizia Locale il mio ringraziamento e il plauso per aver saputo coniugare il rispetto della legge con i criteri di umanità”.“

Tratto da: https://www.latinatoday.it/cronaca/terracina-sgombero-ex-scuola-via-anxur.html

Terracina, tutor nella Galleria di Montegiove: al via i lavori

Dispositivi per il controllo della velocità nella Galleria di Montegiove, al via i lavori

Sono partiti oggi gli i lavori che dureranno fino al 21 aprile e poi dal 26 al 28 aprile. La carreggiata carreggiata subirà un restringimento e la marcia procederà ad una sola corsia. I tutor in funzione dal prossimo mese di maggio.

Al via da oggi, martedì 18 aprile, i lavori nella Galleria di Montegiove per consentire l’installazione dei dispositivi per il controllo della velocità. 

Come fanno salire dall’Amministrazione di Terracina, fino al 21 aprile, e poi tra il 26 e il 28 aprile, data di fine lavori, la carreggiata subirà un restringimento e la marcia procederà ad una sola corsia con sensibile diminuzione dei limiti massimi di velocità per l’intera durata dei lavori. L’orario di operatività dei cantieri è dalle ore 7 del mattino alle 19.

“Gli interventi, da tempo programmati – spiega il sindaco Procaccini in una nota -, puntano ad aumentare i livelli di sicurezza sul quel tratto stradale, la cui realizzazione si è rivelata fondamentale per l’intera viabilità cittadina, ma che è stato troppo spesso teatro di tragici incidenti dovuti all’eccessiva velocità. L’intento finale dell’opera pubblica è quello di sensibilizzare gli automobilisti ad una maggiore attenzione e prudenza, trattandosi di un lungo tratto di galleria che, in caso di problemi, presenta elevate criticità in termini di gestione e pronto soccorso”.

Nello specifico, il cantiere interesserà i seguenti punti della Via Appia “Variante di Montegiove”: dal km 100+900 al km 104+100 in direzione Napoli e dal km 100+910 al km 104+060 in direzione Roma. Si avvicina dunque il momento dell’entrata in funzione del tutor, prevista nel prossimo mese di maggio.

Tratto da: http://www.latinatoday.it/cronaca/lavori-tutor-galleria-montegiove-terracina.html

Ricorso sull’ex Pro Infantia

Ricorso sull’ex Pro Infantia

Il fatto Istanza straordinaria al Presidente della Repubblica per chiedere l’annullamento del permesso di costruire rilasciato
dal Comune. La strada amministrativa di Italia Nostra con un comitato formato da esponenti del Pd e del centrosinistra locale.

Un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica per chiedere l’annullamento del permesso di costruire rilasciato alla società Residenze Circe srl, proprietaria dell’area dell’ex Pro Infantia. Questa la carta tentata da Italia Nostra con un comitato cittadino formato da diversi maggiorenti del centrosinistra e del Pd, per fermare il progetto di demolizione, ricostruzione e cambio di destinazione d’uso su viale Circe. Le firme di Agostino Attanasio, Daniela Celani, Armando Cittarelli, Carmine Di Capua, Enzo Grillo, Gabriele Panizzi, Vincenzo Recchia e Rita Visini, sono comparse in calce a un comunicato in cui si solleva il contenzioso amministrativo, affidato all’avvocato Giovanni Malinconico.

Una strada, quella scelta dai proponenti, tesa a marcare una differenza di approccio rispetto ad altre organizzazioni. «Vi sono state proteste, accese polemiche, nascita di comitati ma il cantiere dell’ex Pro Infantia è stato bloccato  dall’intervento della Procura» spiegano. «La Procura si occupa però di reati, di un ambito penale che non attiene alla sfera d’iniziativa dei cittadini, a meno che taluno non abbia precisa e puntuale notizia di un reato o supponga l’esistenza di un reato». E i cittadini «possono farsi sentire mediante i loro rappresentanti nelle istituzioni ».

[nextpage title=”Una mossa rivendicata dal Pd”]

Una mossa rivendicata dal Pd, con la richiesta di convocazione urgente del Consiglio comunale del 20 gennaio scorso con la richiesta di revoca in autotutela degli atti, seguita poi in Consiglio  regionale da Gaia Pernarella, consigliere del M5S, «che ha proposto un ordine del giorno votato all’unanimità che tuttavia non dà alcuna garanzia di poter conseguire i risultati sperati». Di qui, la decisione della cosiddetta «altra via», quella che «in presenza di atti amministrativi ritenuti illegittimi consente di chiederne l’annullamento davanti al Tar o  mediante ricorso al Presidente della Repubblica». «Un atto serio e rigorosamente motivato che ci fa uscire dalla dimensione del chiacchiericcio dei social e restituisce alla comunità cittadina un ruolo attivo e consapevole, soprattutto in casi così importanti ». Bene anzi benissimo, dunque, lo sdegno dei cittadini ma, conclude il comitato, «c’è bisogno di fare un passo in avanti. Dare corpo alle proteste, tradurle in iniziative concrete e puntuali», «un primo passo per ridar vita a un’opposizione che, in una città dominata da vent’anni di centrodestra, sia capace di ritrovare forza e vitalità mettendo da parte vani e sterili protagonismi, azioni di pura propaganda utili solo a confondere le cose e a prendere in giro la città»

Ricorrenza dell’80° Anniversario della fondazione del Liceo Scientifico – Classico – Scienze umane “Leonardo Da Vinci”

Ricorrenza dell’80° Anniversario della fondazione del Liceo Scientifico – Classico – Scienze umane “Leonardo Da Vinci”

1941 – 2021
Ricorrenza dell’80° Anniversario della fondazione del Liceo Scientifico – Classico – Scienze umane “Leonardo Da Vinci” Terracina.
Nel 2011 ricorreva il 70° anniversario della fondazione del Liceo di Terracina; nell’occasione, con la collaborazione di Studenti, ex Studenti, Genitori, Personale Ata ed ex Docenti e Docenti, furono messe in campo diverse iniziative che resero quei giorni un momento di riflessione comune e di ricordi che ognuno, a seconda della propria età e sensibilità, cercò di portare a galla dal “sacco” delle proprie esperienze e della propria memoria.
[nextpage title=”E diversi sono i ricordi”]
E diversi sono i ricordi, talvolta commoventi, per alcuni intramontabili “attori” che a vario titolo hanno lasciato traccia nella vita di molti . . .

Nell’occasione furono pubblicati due libri che, in modi diversi, ricordavano il passato e la Storia dell’Istituto: il libro “70 primavere” che ricostruiva la Storia dell’Istituto nello sviluppo dei suoi 70 anni di vita ed il libro “Il primo e l’ultimo” che descriveva la storia della prima classe dell’Istituto del 1941 ed i diversi destini del “primo” a perdere la vita, il diciottenne Manlio Bizzarri (13.05.1926 – 29.07.1944), su un campo minato dopo la V^ Traversa e l’ultimo vivo di quella Classe del 1941, Il Dott. Ernesto Bianchini.
Ora all’inizio del 2021, pur conscio delle palesi difficoltà e complicazioni di questo difficile momento, vorrei ricordare, per primo a me stesso, e a tutti coloro ai quali sta a cuore l’Istituzione “Liceo”, che ricorrono gli 80 anni dalla fondazione.
Grazie per l’attenzione.
Un abbraccio. Prof. Carmelo Palella
[advanced_iframe src=”//www.studiogovinda.com” width=”100%” height=”600″]
In Funzione La Nuova Tac All’Ospedale “Fiorini”

In Funzione La Nuova Tac All’Ospedale “Fiorini”

TERRACINA – L’ospedale “Fiorini” di Terracina ha una nuova Tac da 128 strati, per di più con quattro giorni di anticipo rispetto al crono-programma. La nuova tomografia computerizzata, tanto attesa dalla comunità di Terracina e dei centri limitrofi, è entrata in funzione con un esame dell’encefalo di un paziente in lista d’attesa da settimane. Cala il sipario, dunque, su una querelle che, condita dalle immancabili polemiche politiche, ha registrato per la sua risoluzione l’impegno della direzione e dell’area medica dell’Asl e del direttore sanitaria del polo ospedaliero della stessa Azienda Pino Ciarlo.

L’arrivo ed il montaggio della nuova Tac a 128 strati, che per certi versi arriva a 160, erano avvenuti l’8 aprile mandando in soffitta il 16 marzo la vecchia apparecchiatura. Nel frattempo sono stati eseguiti i lavori per consentire il passaggio ad una tecnologia superiore, tra cui in particolare il montaggio sulle pareti e sulle porte di nuovi pannelli coibentati in piombo di maggiore spessore a tutela del personale operante all’interno dei locali.

Lo stesso direttore Ciarlo ha confermato che proseguono spediti i lavori di installazione della nuova Tac a 128 strati presso l’ospedale Dono Svizzero. La consegna avverrà venerdì, la sua entrata in funzione non appena sarà ultimata l’azione di addestramento del personale addetto.
L’esperto di radioprotezione ha rilasciato il 22 aprile il benestare all’uso della macchina avendo verificato la tenuta delle barriere e l’assenza di radiazioni di fuga. Sono stati adeguati gli impianti tecnologici in particolare le reti elettriche e di trasmissione dati per fare in modo che le immagini possano essere lette anche da remoto sia per la refertazione che per il consulto per successivi accessi presso i nostri ospedali. Infine, per ciò che concerne il tubo radiogeno acquistato lo scorso anno, si è provveduto al suo smaltimento in quanto, a causa dell’emergenza Covid che vedeva nel riscontro tramite TAC torace (e quindi TAC ad alta potenza) la conferma del sospetto diagnostico, lo stesso aveva emesso oltre 120.000 colpi/secondo e quindi ormai esaurito e inservibile.

Lo stesso direttore Ciarlo ha confermato che proseguono spediti i lavori di installazione della nuova Tac a 128 strati presso l’ospedale Dono Svizzero di Formia. La consegna avverrà venerdì, la sua entrata in funzione non appena sarà ultimata l’azione di addestramento del personale addetto.

43 ANNI FA NASCEVA TELEMONTEGIOVE

43 ANNI FA NASCEVA TELEMONTEGIOVE

Di Meo Patacca
Il 1° maggio 1978, un giovane ragazzo terracinese, contro il parere dei famigliari, molla un lavoro sicuro ed ottimamente retribuito per inseguire un sogno, e si butta in un’avventura che nulla aveva di certo.
Ma lui credeva in se stesso, con forza di volontà, determinazione e tanto, tanto lavoro, perseguì un obiettivo specifico: essere leader e non dipendente, promuovere il proprio benessere e la propria crescita personale.
Oggi, quella sua scelta incerta, iniziata con pochi mezzi, è una realtà economica di solide basi, un gruppo editoriale televisivo importante che da lavoro ad un centinaio di persone e seguito da migliaia di telespettatori.
Quel ragazzo, oggi uomo, è Gianfranco Sciscione, ed a lui, tutti noi che abbiamo la fortuna di essere suoi collaboratori, porgiamo di vero cuore auguri veri e sentiti.
Maretta nella Lega Caringi passa al misto

Maretta nella Lega Caringi passa al misto

La nota «Lontani dal territorio, io uomo libero e indipendente»

Luca Caringi lascia la Lega e approda al gruppo misto. La comunicazione, diramata ieri dal consigliere comunale più votato alle scorse elezioni (circa 900 voti), arriva dopo un periodo in cui l’ex assessore della giunta Procaccini poi approdato nel Carroccio, si era messo in disparte. «Settimane di silenzio», le definisce il consigliere stesso, alle quali ora segue una decisione forte, quella di restare in minoranza da «indipendente », rimarca, per seguire la «voglia di fare per Terracina ed essere promotore nel mio piccolo di uno sviluppo di questo  territorio sano per i valori la gente che lo vive». Non si sentiva più a suo agio, Caringi, che sembra mettere l’accento su una Lega diretta dall’esterno che gli stava stretta. «Ho cercato uno spazio nuovo  per far crescere Terracina: ho insistito ancora!» dice «ma oggi mi accorgo che da un gruppo troppo individualista in termini di obiettivi e strategie, sono atterrato in un mondo politico spesso lontano dal territorio». Sentimento, questo, che albergherebbe anche in altri esponenti del Carroccio terracinese, con un malcontento che brucia sotto la cenere e che riguarderebbe il rapporto con i livelli superiori.

[nextpage title=”D’altra parte, da tempo si intravedono fratture”]

D’altra parte, da tempo si intravedono fratture. La più vistosa, quella tra il gruppo e il direttivo da una parte e Sara Norcia, candidata in coppia con Caringi, dall’altra. La consigliera si è vista bocciare una mozione dal resto del gruppo in Consiglio e nei giorni scorsi in solitaria ha presentato un’interrogazione con la sua sola firma. Caringi, secondo alcuni bene informati, ha voluto sganciarsi. È lui stesso che mette ancora in maiuscolo la sua decisione di uscire da «uomo libero», tendendo la mano alla collega del gruppo misto Alessandra Feudi, che venne estromessa dalla Lega dopo essere stata votata vicepresidente del Consiglio comunale dalla maggioranza, «a cui va tutta la mia sincera stima», dice. «Si è rigenerata la voglia di combattere per la città, pensando da terracinese e stando dalla parte dei terracinesi » conclude.

«Ringrazio chi mi ha accolto fino ad oggi, ma devo seguire il mio sentimento e la mia passione di terracinese per fare ancora quella Politica che mi ha contraddistinto nel tempo».

 

Calcio a 5 Claudia Monti è tornata in campo per stupire

Calcio a 5 Claudia Monti è tornata in campo per stupire

Claudia Monti attualmente è uno dei portieri di Futsal più forti della Regione Lazio. Una terracinese doc con un curriculum da fare invidia. In 20 anni di carriera ha vestito molte casacche e nel 2012 ha giocato nel Ceprano di serie A.

Ha partecipato ai campionati nazionali di beach soccer per ben due anni, ha vinto 3 tornei di serie D, il Torneo delle Regioni, una Coppa Italia di serie C la scorsa stagione con il Real Terracina, ed attualmentegioca nella Vis Fondi di serie A2 (dove ha già giocato nel 2016 e nel 2018) che si è piazzata al secondo posto in classifica e disputerà i play off per la promozione nella Serie A d’Elite. In questo fine settimana sarà impegnata nelle Marche per le final eight di Coppa Italia.

Claudia Monti ad agosto scorso ha subito il suo secondo intervento al cuore e a novembre era già sui campi a dire la sua con grande forza di volontà. In una stagione difficile come questa a causa della pandemia si tratta sicuramente di una notizia incoraggiante.

 

Tratto da: https://www.laziotv.it/calcio-a-5-claudia-monti-torna-in-campo

LA CALDAIA DEL FIORINI È STATA MAI SOSTITUITA?

LA CALDAIA DEL FIORINI È STATA MAI SOSTITUITA?

TERRACINA, LA CALDAIA DEL FIORINI È STATA MAI SOSTITUITA? SPESI GIÀ 80MILA EURO

questione caldaia scuola fiorini terracina

È apparso stamane sulla cronaca locale di Terracina del quotidiano Latina Oggi un ennesimo articolo sulla vicenda della sostituzione della caldaia della scuola primaria Elisabetta Fiorini nel centro del comune di Terracina. L’articolo di oggi titola “Riscaldamenti al Fiorini, addio al gasolio” e, nel corpo del testo, il cronista scrive che “Una relazione del dirigente e del direttore dei lavori aveva poi chiarito che non era la caldaia a dover essere sostituita, bensì il bruciatore e questo proprio in virtù del passaggio dall’alimentazione a gasolio a quella a gas“.

In realtà, come indicato dalla Consigliera comunale Barbara Carinci nella sua interrogazione a risposta orale del 2 dicembre 2019, il perno della questione non è da ravvisarsi nell’aggiunta di una parte mancante alla riconversione della caldaia (un nuovo bruciatore per un importo di poco superiore ai € 1.500) ma dalle ingenti somme già impegnate e spese per la stessa caldaia a fine 2017 che si aggirano attorno agli 80.000 euro.

[nextpage title=”Testo dell’interrogazione”]

interrogazione barbara carinci caldaia scuola fiorini terracina
Testo dell’interrogazione a risposta orale della Consigliera comunale Barbara Carinci sulla questione della sostituzione della caldaia della scuola Fiorini di Terracina

Effettuata una ricerca sull’Albo Pretorio Storico del Comune di Terracina, infatti, sono reperibili le due determine dirigenziali, entrambe a firma del dirigente Bonaventura Pianese, con le quali si stabilisce la spesa a carico del Comune terracinese per una cifra complessiva che supera gli 80mila euro per “lavori di sostituzione e conversione caldaia e realizzazione impianto WIFI” (det. n. 1650 del 22/12/2017) e “lavori di manutenzione ordinaria dell’impianto termico” (det. n. 1693 del 28/12/2017) entrambe relative alla sola scuola primaria Elisabetta Fiorini di Terracina.

[nextpage title=”Le due domande alle quali i cittadini vorranno avere una risposta precisa”]

Le due domande alle quali i cittadini vorranno avere una risposta precisa, arrivati a questo punto, è se la spesa di oltre € 80.000 già sostenuta dal Comune di Terracina in favore della ditta Gruppo SAPA srl con sede legale in Caivano (NA) per la sostituzione e conversione della caldaia è stata effettivamente erogata e se la caldaia in attività nell’istituto scolastico Fiorini è stata di fatto sostituita con una nuova. Nelle righe dell’interrogazione, la Consigliera Carinci scrive che Assessore competente e Sindaco “verbalmente hanno dichiarato davanti alle mamme degli alunni che a settembre 2019 la caldaia sarebbe stata sostituita così come da determina. […] La vecchia caldaia dà problemi quasi quotidianamente, tanto che qualche settimana fa due classi sono state evacuate a causa di un tubo rotto che perdeva gasolio“.

[nextpage title=”Quindi, la caldaia dell’edificio scolastico Elisabetta Fiorini….”]

Quindi, la caldaia dell’edificio scolastico Elisabetta Fiorini di via Roma è stata effettivamente sostituita? E se è stata veramente rimpiazzata, sono imputabili alla ditta incaricata dalle determine n. 1650 e n. 1693 i malfunzionamenti accertati e la manifesta inadeguatezza dell’impianto ad oggi in funzione?

Tratto da: https://latinatu.it/terracina-la-caldaia-del-fiorini-e-stata-mai-sostituita-spesi-gia-80mila-euro

Cimitero di Terracina

Cimitero di Terracina

CIMITERO
Dal 27.05.2018 (Data aggiudicazione appalto)
ANNI 2 e GIORNI 323
Dell’argomento si comincia a parlare, sulla stampa, fin dal 16/06/2010
(https://www.funerali.org/…/a-terracina-si-comincia-a… ) quando si avanza l’ipotesi della costruzione di un nuovo cimitero in territorio La Fiora “dotato di un impianto di cremazione, unico in provincia, e in grado di risolvere il problema della carenza di spazi del camposanto di via Anxur”.
Successivamente un articolo del 19/08/2014
(https://www.h24notizie.com/…/trattamenti-diversi-nel…/) mette in evidenza la carenza dei servizi cimiteriali mettendo in risalto che esisterebbero “Tombe di serie A e di serie B. Nel primo caso regna decoro e pulizia, nell’altra incuria e abbandono. E soprattutto vergogna. E’ la denuncia che arriva da alcuni cittadini, in particolare dai parenti di un defunto, stanchi di andare a trovare il proprio caro estinto al camposanto di via Anxur e di vedere le condizioni cambiare, purtroppo in peggio, man mano che si avvicinano alla tomba”.
Si arriva al 11.02.2016, data in cui viene reso noto da parte dell’Amministrazione, il Tariffario dei loculi (https://nginx.stu3-terracina.prod.globogis.srl/…/TARIFF… ).
Sempre in quello stesso anno, il 16.02.2016
(https://www.temporeale.info/…/terracina-approvato-il…) viene approvato il progetto preliminare dei lavori al cimitero di Via Anxur, “Il piano prevede la realizzazione di 600 loculi e 50 cappelle gentilizie nella zona nuova. Ma 320 loculi saranno pronti già nei prossimi giorni nella zona che si trova subito a sinistra all’ingresso del cancello principale”. Nella stessa data del 16.02.2016 viene pubblicata, sostanzialmente, la stessa notizia (https://www.latinacorriere.it/terracina-nuovi-loculi-al…/)
E in data 08.06.2016 viene data notizia che
(https://www.latinaoggi.eu/…/lavori-al-cimitero…) “E’ stata approvata ieri la determinazione che ha come oggetto la prenotazione della spesa che serve per iniziare i lavori di realizzazione delle Cappelle Gentilizie nel civico Cimitero di via Anxur”.
Infine il 12.10.2016 (https://www.latinaoggi.eu/…/nuove-cappelle-e-loculi-in… ) si annunciano le “Nuove cappelle e loculi in arrivo, passo avanti per i lavori al cimitero”. . . “Con il ribasso del 5,10% . . .”
Il 07.02.2017 viene reo noto dalla stampa (https://tgfuneral24.it/…/terracina-niente-loculi-al…/) la difficoltà di “Bare “in attesa di tumulazione”. Lo scandalo del cimitero di Terracina viene nuovamente denunciato con una interrogazione dei consiglieri comunali Valentina Berti, Alessandro Di Tommaso e Giuseppe D’Andrea del Pd”.
In data 31.01.18 la stampa riporta “il caso” che a “Terracina, pagano le cappelle gentilizie ma dopo un anno niente lavori”.
“(https://www.latinaoggi.eu/…/terracina-pagano-le…). “Quasi tre anni dal bando per le concessioni, poco meno di due dal giorno in cui c’è stata la scelta, un anno sta invece scoccando da quando è stato eseguito il pagamento per la realizzazione: 17.500 euro per avere in concessione una cappella gentilizia nel cimitero comunale. Ora la famiglia M. comincia a perdere la pazienza. Una somma non indifferente è ormai nelle mani del Comune dal mese di aprile dello scorso anno, ma dei lavori per la struttura ancora non c’è traccia. E come la signora V.M., anche altre famiglie sono nelle stesse condizioni. I lavori non partono. «Quando abbiamo pagato – ci racconta la signora – ad aprile dello scorso anno, ci dissero che i lavori sarebbero partiti a giugno. E invece niente. Abbiamo continuato a chiedere, ci hanno rimandato sempre. L’ultima volta a gennaio, ci hanno detto che i lavori sarebbero partiti a fine gennaio”.
Si ricava quindi, da questo articolo, la data approssimativa del pagamento da parte degli utenti che, diciamo, risale a metà aprile 2017.
Sempre sulla stessa testata giornalistica il 02.02.18 viene lanciata la notizia che a “Terracina, il cimitero resta senza loculi e cappelle gentilizie” . . .
(https://www.latinaoggi.eu/…/terracina-il-cimitero-resta… ) . . . “Cappelle gentilizie pagate e che non arrivano, loculi esauriti, salme in attesa di sepoltura ferme nella camera mortuaria, che anche sul fronte edilizio non se la passa bene. Tornano a cadenza ciclica i disagi dei cimiteri di via Anxur e di Borgo Hermada”.
Finalmente pochi giorni dopo, l’8.02.18, c’è la notizia del Bando dei lavori “Terracina, bando per loculi e cappelle gentilizie. Aggiudicazione “lumaca””
(https://www.latinaoggi.eu/…/terracina-bando-per-loculi…) Si ricava dall’articolo che “L’avviso risale a luglio, nei giorni scorsi nominata la commissione”. Parliamo del Luglio 2017, circa 7 mesi per nominare la Commissione . . . (sic)
E si arriva così alla data giornalistica del 17.05.2018 (E DA QUI FACCIAMO PARTIRE IL CONTEGGIO) data nella quale viene aggiudicata la gara (14 maggio) “Loculi e cappelle, aggiudicata la gara alla stessa ditta della scuola Fiorini” alla Ditta Sapa di Caivano (NA) (https://www.latinaoggi.eu/…/loculi-e-cappelle…)
Si potrebbe affermare che tutto è bene ciò che finisce bene . . . ma si deve aspettare il 22.10.2018 per vedere iniziare i lavori “Inizio lavori di realizzazione delle cappelle gentilizie e nuovi loculi per il Cimitero Civico” (https://www.terracinanotizie.net/…/inizio-lavori-di…) . . . “è prevista, infatti, la realizzazione di 60 cappelle gentilizie da 10 loculi ciascuna, 13 mezze cappelle da 5 loculi ciascuna, 168 ossari, 392 . . . ”. . . “Altre opere di fondamentale importanza sono quelle che riguardano la realizzazione di un impianto fotovoltaico che garantisce la completa autonomia energetica della struttura, ingressi controllati elettronicamente, l’abbattimento delle barriere architettoniche, uno schermo digitale posto all’ingresso su cui sarà possibile consultare una mappa del cimitero con l’esatta ubicazione dei loculi digitando il nome del defunto”.
Sostanzialmente lo stesso contenuto è riportato nell’articolo del 26.10.2018 (www.anxurtime.it/lavori-al-cimitero-un-milione-e-mezzo/)
In data 27.01.2019 viene pubblicata la notizia “Al via i lavori del cimitero di Terracina. Previsti 60 cappelle e 392 nuovi loculi”. (https://www.polidoriservizifunebri.it/934-2/)
In data 02.03.2020 viene pubblicata da parte del Comune la notizia “Lavori di realizzazione cappelle gentilizie nel cimitero di via Anxur”
Il 09.09.2020 (https://www.agoraregionelazio.com/il-cimitero-di-via…/) vengono poste sul tema una serie di domande: ” In 4 anni non si è fatto nulla questa è la verità, ora si vuol ricorrere ai ripari mettendoci una toppa: questa è mancanza di programmazione.
Le cappelle e le mezze cappelle che dovevano essere consegnate nel 2018 a chi ha anticipato il 50% o addirittura pagato tutto i 35 mila euro dove sono?
Il fotovoltaico dov’è?
I dissuasori per evitare che le auto non autorizzate entrino al cimitero dove sono?
Il 3* cancello dov’è?
Il nuovo parcheggio quando verrà consegnato?
Un appalto di 1.400.0000 mila euro e già pagato per 1.200.000 perché è stato così tanto anticipato e tutto questo non è stato consegnato?
Solo le telecamere sono state montate ma non sono in funzione e i 700 loculi , di cui molti senza l’applicazione delle lampade votive.
Poi più nulla perché?”
E il 20.11.2020 l’articolo “in arrivo forno crematorio e interventi urbanistici” (https://www.ilcaffe.tv/…/terracina-cimitero-in-arrivo…) con cui si annuncia che “si provvederà ad avviare le procedure di consegna delle cappelle ai richiedenti, presumibilmente entro la data del 31/12”.
Sempre il 20.11.2020 (https://www.latinaquotidiano.it/terracina-restyling-per…/) sostanziale conferma della notizia sopra citata così come la conferma pari data (https://www.ilfaroonline.it/…/forni-crematori-e…/378373/)
E pochi giorni fa, il 28.01.21 “Terracina, ritardi nei servizi cimiteriali: le scuse dell’assessore Marcuzzi e i chiarimenti” (https://www.latinatoday.it/…/terracina-cimiteri-ritardi…) perché “Siamo in ritardo con la consegna delle edicole e cappelle al cimitero di Terracina, con la realizzazione dei loculi in quello di Borgo Hermada, con il ripristino delle luci votive, siamo in ritardo con altri interventi manutentivi, con l’estumulazioni, con l’acquisto di nuove scale e altro”.
Ed a ruota, il 29.01.2021,
“TERRACINA: CIMITERO, LA PROTESTA DEI CITTADINI RITARDI NELLA CONSEGNA DELLE CAPPELLE”
Infine il 03.02.2021 (https://www.ilfaroonline.it/…/cimiteri-di…/392101/) “il “mea culpa” dell’amministrazione per i ritardi nei lavori”
Apprendo in data 02.03.2021 di un “ACCORDO QUADRO PER LAVORI URGENTI DI MESSA IN SICUREZZA MEDIANTE
IMPERMEABILIZZAZIONE DELLE COPERTURE DEI LOCULI DEI CIMITERI DI VIA ANXUR E BORGO HERMADA”.
Per finire è del 18.03.2021 la interessante notizia “GIÙ LE MANI DAL CIMITERO! NO ALLA PRIVATIZZAZIONE! NO AL PROJEC
Non ho al momento altre notizie . . . Se avverranno fatti nuovi cercherò gli aggiornamenti o accetterò le notizie che vorrete fornirmi . . .
SPIAGGE LIBERE I FONDI ASSEGNATI AI COMUNI PONTINI E DEL LAZIO

SPIAGGE LIBERE I FONDI ASSEGNATI AI COMUNI PONTINI E DEL LAZIO

La Regione Lazio concede 3 milioni di euro ai Comuni del Litorale per la sicurezza delle spiagge libere.

Ecco tutti i numeri, compresi i comuni pontini.

Tre milioni di euro per aiutare i Comuni del litorale laziale a gestire spiagge libere e lungomare in totale sicurezza per la nuova stagione balneare 2021. Con una delibera di Giunta approvata oggi, la Regione Lazio si impegna a sostenere le spese necessarie che gli enti locali dovranno affrontare per garantire l’accesso al mare senza rischi per un’estate all’insegna del turismo sicuro e accessibile a tutti.

La somma verrà ripartita tra 21 Comuni costieri e 2 Comuni delle isole pontine, in funzione di due parametri: la popolazione e la lunghezza di arenile libero – ossia delle spiagge libere e libere con servizi – del loro territorio. Le somme spettanti a ciascun ente localealmeno 50.000 euro, sono riportate nella tabella allegata.

I fondi regionali potranno essere usati dai Comuni per mettere in campo tutte le azioni che riterranno necessarie per assicurare una frequentazione sicura degli arenili, in particolar modo le spiagge libere, e dei lungomari.

Potranno quindi essere finanziati gli interventi che assicurino il distanziamento sociale ed evitino assembramenti, le misure volte alla sicurezza dell’accesso alla spiaggia libera, le attività per la pulizia degli arenili, per l’igienizzazione e la sanificazione degli ambienti e delle attrezzature, i servizi di salvamento durante la balneazione e le attività di sorveglianza del litorale.

L’erogazione dei contributi ai Comuni beneficiari sarà gestita da Lazio Innova e verrà suddivisa in un anticipo pari al 40% e in un saldo pari al 60% del contributo riconosciuto. La realizzazione e la rendicontazione degli interventi ammessi si dovranno concludere entro il 30 settembre 2021. Sono ammissibili le spese per le attività richieste nella Delibera, sostenute dai Comuni a partire dal 1 gennaio 2021.

“Questo nuovo trasferimento di 3 milioni di euro in favore dei Comuni del litorale laziale è molto importante e coerente con le attività della Cabina di Regia interistituzionale che abbiamo istituito per coordinare tutte le azioni utili per la ripartenza in sicurezza della stagione balneare 2021. Come già accaduto la scorsa estate, la Regione Lazio intende proseguire nell’impegno finalizzato ad aiutare i Comuni per assicurare la fruizione delle nostre spiagge, in particolare quelle libere, nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. Il messaggio che vogliamo dare è semplice: tenere alta la guardia, continuare la battaglia contro la pandemia e farci trovare pronti per ripartire investendo sulla sicurezza e sulla ripresa del turismo responsabile e sostenibile sulle nostre coste”. Lo hanno dichiarato gli assessori regionali al Turismo, Enti Locali, Sicurezza Urbana, Polizia Locale e Semplificazione Amministrativa, Valentina Corrado e allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Paolo Orneli.

 

Tratto da: https://latinatu.it/spiagge-libere-ecco-i-fondi-assegnati-ai-comuni-pontini-e-del-lazio